Diego Granese - Entrepreneur, Influencer & Lifecoach | AntiDoping: La WADA lancia l’allarme sulla sostanza denominata GW501516
335
post-template-default,single,single-post,postid-335,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

AntiDoping: La WADA lancia l’allarme sulla sostanza denominata GW501516

La WADA (Agenzia Mondiale Antidoping), la Federazione Internazionale di Pesistica (IWF) ed il CONI, con una comunicazione diretta agli operatori del settore (me compreso in quanto tecnico federale FIPE-CONI), richiamano l’attenzione dell’intero mondo sportivo sull’assunzione della sostanza GW501516, nonchè sui suoi effetti collaterali per la salute degli Atleti.

Il GW 501516 è un farmaco che migliora la resistenza, aumenta la massa muscolare ed elimina i grassi. Insomma, la manna per un atleta che punta al doping per migliorare le sue prestazioni. Ma il GW 501516 non ha superato la sperimentazione, mostrando il rischio di portare a tumori e la Wada ha lanciato l’allarme.

No al DopingNel dettaglio, la WADA ha reso noto che già durante la fase degli studi preclinici sono stati riscontrati gravi segni di tossicità, tali da indurre la società faramaceutica sponsor della ricerca ad interromperne, immediatamente e senza indugi, lo studio.

Sebbene la sostanza GW501516 non abbia ottenuto alcuna approvazione da parte delle autorità competenti, la stessa risulta tuttavia disponibile, già da alcuni mesi, sul mercato nero, anche tramite Internet, con inevitabile pregiudizio della salute di quanti ne facciano uso.

Approfondisci su Wikipedia (GW501516)

Ancora una volta si può constatare che il Doping è una vera e propria piaga dello sport, capace di distruggerne il valore principale: il benessere!

Inutile dire che anche le case farmaceutiche potrebbero smetterla di sperimentare queste sostanze…ma visto i soldi che girano dietro a tutto ciò mi sembra davvero impossibile.

Considerata quindi l’assoluta gravità del fenomeno rappresentato, si invitano tutti gli operatori del settore a dare la più ampia e tempestiva diffusione della notizia.

Coach Diego Granese

Fonte:

WADA (Agenzia Mondiale Antidoping) (Link Fonte Originale Articolo)

e

FIPE (Federazione Italiana Pesistica)

No Comments

Post A Comment